Jacobacci & Partners spiega come tutelare un'invenzione in Italia e all'estero

La parola all'esperto

È ormai dimostrata l’importanza della Proprietà Industriale per la società e l’economia europea. Ad esempio, il rapporto dell’Ufficio Europeo per la Proprietà Industriale dimostra che il fatturato per dipendente delle aziende che depositano brevetti è di quasi il 25% maggiore rispetto a quelle che non lo fanno; e per le PMI il beneficio sale al 32%.

 

Il brevetto per invenzione o per modello d’utilità è il modo più efficace per tutelare, di fronte all’aggressività della concorrenza, la propria attività interna di innovazione. Infatti, un brevetto per invenzione o un modello di utilità fornisce una tutela della durata massima di, rispettivamente, 20 anni e 10 anni a partire dalla data del deposito.

 

Una strategia con un buon compromesso costi-benefici è quella di depositare in primis una domanda di brevetto italiana che, in tempi ragionevoli, consente di stabilire una data certa in merito a paternità e titolarità di un’invenzione e contemporaneamente beneficiare di una ricerca e di un parere di brevettabilità da parte dell’esaminatore dell’Ufficio Brevetti Europeo, su commissione dell’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi, per individuare pubblicazioni anteriori attinenti all’invenzione descritta nella domanda di brevetto e a verificare che siano rispettati i requisiti di brevettabilità (novità, altezza inventiva, applicabilità industriale). In seguito, è possibile estendere all’estero la domanda di brevetto italiana entro dodici mesi dal deposito, e preferibilmente dopo aver ricevuto il parere di brevettabilità, in modo da poter valutare con un maggior grado di sicurezza la convenienza nel procedere o meno. È inoltre consigliabile sfruttare questo periodo per decidere con cognizione di causa i paesi in cui richiedere l'esclusiva ed eventualmente attrarre finanziamenti.

 

La procedura descritta riguarda l’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi, ma in quasi tutti i paesi del mondo è possibile ottenere la registrazione o la brevettazione seguendo, in linea di massima, iter procedurali simili. Infatti, i titoli di proprietà industriale, hanno valore territoriale, cioè valgono nel paese ove si ottiene la registrazione.

 

Ad ogni modo, non esiste una strategia o procedura standard per la protezione di un prodotto o processo, ma è consigliabile di volta in volta valutare quale sia il migliore iter da intraprendere a seconda della tipologia di prodotto o processo, dalle strategie commerciali che si intendono attuare e dalle previsioni di investimento a medio-lungo termine. Data la varietà e la specificità degli strumenti di tutela che è possibile adottare, è importante affidarsi ad un consulente in proprietà industriale esperto, in grado di valutare al meglio le soluzioni più adeguate sulla base del caso specifico e delle strategie di business che si vogliono adottare.

Vuoi saperne di più? Scopri di più su www.jacobacci.it

 

Autore: Valerio Verdecchia, Patent Engineer in Jacobacci & Partners - vverdecchia[at]jacobacci.com 


 

PARTECIPA A START CUP PIEMONTE VALLE D'AOSTA

In occasione della 15a edizione di Start Cup Piemonte Valle d'Aosta, Jacobacci & Partners offre il PREMIO JACOBACCI & PARTNERSdel valore indicativo di 10.000 euro destinato al miglior Business Plan con caratteristiche di proprietà intellettuale, erogato sotto forma di servizi di consulenza in tema di tutela di marchi e brevetti per un periodo di 6 mesi.

 

Partecipa alla competizione regionale inviando il tuo Business plan entro il 24 luglio 2019.

SPONSOR
Utilizziamo i cookies per garantire la funzionalità del sito e per tenere conto delle vostre scelte di navigazione in modo da offrirvi la migliore esperienza sul nostro sito. Inoltre ci riserviamo di utilizzare cookies di parti terze. Per saperne di più consulta la nostra Cookie Policy. Continuando a navigare sul sito, l'utente accetta di utilizzare i cookies.
OK